I membri di DiEM25 hanno deciso collettivamente su questo tema. Diventa un membro per poter votare la prossima volta!

Unisciti a noi! Accedi

Campagna per il rilancio democratico dell'UE - Verso una costituzione europea

94.2%

No

5.8%

All'Assemblea di Praga, i membri hanno discusso, fra le altre, la seguente proposta per migliorare il lavoro di DiEM25 e il suo potenziale per il prossimo anno. Ti preghiamo di valutarla attentamente e di decidere se vale la pena che DiEM25 investa le sue energie per realizzarla.

---

Nome: Maarten de Groot e Michele Fiorillo

Negoziato e concordato con Erik Edman, a nome del Collettivo di coordinazione

 

Area: Influenza e vincita (suggerimenti per campagne che il movimento può usare o a cui può collegarsi, a livello locale o europeo; altre iniziative per affrontare l'establishment; come influenzare meglio le elezioni e i politici tramite il nostro programma ecc.)

Sommario:

"L'UE deve essere democratizzata o si disintegrerà" è lo slogan con cui DiEM25 è stato lanciato nel febbraio 2016. 3,5 anni dopo, la disintegrazione dell'UE è in una fase molto più avanzata, ma i piani di DiEM25 per la democratizzazione non sono ancora stati cristallizzato, né tanto meno implementati. Con un nuovo mandato legislativo dell'UE e piani per una "Conferenza sul futuro dell'Europa", è giunto il momento per DiEM25 di intensificare gli sforzi: finalizziamo la nostra visione per il rilancio democratico dell'UE e costruiamo una campagna attorno a ciò, spianando la strada ad una Costituzione europea entro il 2025!

La Conferenza sul futuro dell'Europa dovrebbe svolgersi dal 2020 al 2022, coinvolgendo cittadini e istituzioni dell'UE e piazzandoli su un piano di parità. Molti politici europei considerano questa Conferenza come un primo passo verso il cambiamento dei trattati, ma nessuno sembra avere un piano credibile per impedire che ciò si trasformi in una crisi costituzionale come quella del 2005.

Questo è il motivo per cui noi, in quanto DiEM25, dobbiamo colmare il vuoto causato da parole insignificanti ed entrare nel dibattito europeo, grazie ad un piano concreto e una coraggiosa campagna alimentata dalle persone, con l'obiettivo di ottenere un nuovo accordo democratico per l'Europa, facendo uso di strumenti innovativi di deliberazione e democrazia partecipativa.

DiEM25 dovrebbe prima finalizzare la propria posizione politica sulla "Strada verso una Costituzione europea". In secondo luogo, dovremmo avviare una conferenza popolare sul futuro dell'Europa all'ombra della conferenza "ufficiale", durante la quale DiEM25 (co-)creerebbe un processo strutturato che invita i democratici di tutto lo spettro politico a unirsi a noi nel crowdsourcing di una bozza della Costituzione europea, utilizzando innovativi formati deliberativi e partecipativi, coinvolgendo un'ampia varietà di cittadini e altre parti interessate. Infine, dovremmo avviare una petizione a livello UE con cui chiediamo ai parlamenti di ttua Europa (locali, regionali, nazionali ed europei) di avviare un processo ufficiale dell'Assemblea costituzionale europea e rendere il nostro "nuovo accordo democratico per l'Europa" un elemento centrale della nostra strategia e del programma per le elezioni europee del 2024.

Sappiamo tutti che la strada verso un'Europa democratica sarà lunga e difficile, ma spetta a noi convincere i nostri concittadini europei che non esiste alcuna alternativa.

In che modo questa proposta aiuterà DiEM25 a raggiungere i propri obiettivi?

La data di scadenza di DiEM25, il 2025, si avvicina sempre di più, e la disintegrazione dell'UE diventa uno scenario sempre più probabile. Nonostante ci siano altri 1001 argomenti che sentiamo vicini ai nostri cuori, la fondamentale democratizzazione dell'UE è uno che  DiEM25 non può ignorare. È nel nostro nome, nel nostro manifesto e nel nostro DNA. La cosa ancora più importante è che solo un'Europa democratica ci offre la possibilità di combattere in molte altre battaglie per la giustizia globale.

Grazie alla "Costituzione europea", che è uno degli otto pilastri della nostra "Agenda progressiva per l'Europa", è stato già svolto molto lavoro significativo per sviluppare la posizione del nostro movimento rispetto a questo argomento cruciale. Basandoci sull'esempio e sugli insegnamenti tratti dalla campagna Green New Deal per l'Europa, dovremmo riprendere il lavoro da dove avevamo interrotto e fare ciò che facciamo meglio: finanziare un piano concreto e coraggioso per il futuro democratico dell'Europa, oltre a costruire una forte "coalizione di volenterosi" attorno ad esso.

Questa campagna non solo aiuterebbe a salvare l'UE, ma aiuterebbe anche a ricordare a noi stessi e ai nostri osservatori il motivo dietro la nascita di DiEM25 e come intendiamo affrontare per il futuro.

Come verrà implementata la vostra proposta (tempistica e passaggi)?

  1. DiEM25 può sostenere le iniziative della società civile che fanno le seguenti richieste, per noi non negoziabili, al mandato della Conferenza sul futuro dell'Europa::
    1. Strumenti democratici deliberativi e partecipativi di alta qualità, come le assemblee di cittadini scelti a caso, dovrebbero svolgere un ruolo importante, chiaro e vincolante nel definire il programma e il risultato della Conferenza sul futuro dell'Europa (alias un "Dibattito popolare");
    2. Se la Conferenza sul futuro dell'Europa raccomanda (un particolare tipo di) modifica del trattato, si dovrebbe tenere un referendum politicamente vincolante in tutta l'UE, chiedendo ai cittadini di sostenere le conclusioni della Conferenza sulla modifica del trattato (alias il "Voto poplare").

Disclaimer: nessuna "Conferenza sul futuro dell'Europa" mantiene la promessa del suo nome se non fa della sostenibilità della sua Unione, in termini di organizzazione e politica, il proprio obiettivo principale. Ciò implicherebbe il riconoscimento del fatto che l'attuale assetto dell'UE non soddisfa le aspettative dei suoi cittadini e che una riprogettazione del suo governo su base veramente democratica è necessaria per la sua sopravvivenza, conferendo ai cittadini un potere sulle istituzioni europee (quantomeno) uguale a quello che hanno sulle istituzioni nazionali.

  1. Primavera 2020: DiEM25 presenta il suo progetto di documento programmatico finalizzato "La strada verso una Costituzione europea" per un voto di tutti i membri e, una volta approvato, lo presenta pubblicamente come la nostra controproposta per la conferenza "ufficiale" sul futuro di Europa. Questo documento politico descrive anche la strategia politica di DiEM25 per portare l'UE sulla strada giusta verso una Costituzione europea, anche mediante la conferenza popolare sul futuro dell'Europa, di seguito indicata (cfr. Punto 4). 
  2. Primavera 2020: DiEM25 (co-)lancia una petizione a livello UE (tradotta in tutte le lingue europee), invitando i parlamenti europei a sostenere (elementi selezionati della) "Strada verso una Costituzione europea", includendo, almeno, la richiesta di un dibattito popolare in tutta l'UE e di un voto popolare che avvii un processo di elaborazione ufficiale della Costituzione europea. Il numero target di firmatari è 1 milione.
  3. Primavera 2020-Primavera 2022: DiEM25 (co-)organizzerà la Conferenza popolare sul futuro dell'Europa, un processo strutturato di due anni che mira al crowdsourcing del progetto di una Costituzione europea. Tutti i DSC, i membri, nonché i non soci e le organizzazioni della società civile, saranno coinvolti in ogni fase di questo processo e una chiara sequenza temporale indicherà come essi possono contribuire in diversi momenti del processo. Piano indicativo:
    1. Passaggio 1: impostazione del programma. Se vogliamo redigere una Costituzione europea da zero, quali sono gli argomenti di cui dobbiamo discutere a livello locale, nazionale e transnazionale?
    2. Passaggio 2: ogni argomento verrà trattato per un periodo di tempo limitato (ad es. 1 mese). Durante questo periodo, i cittadini e le organizzazioni della società civile, sia all'interno che all'esterno di DiEM25, sono incoraggiati a organizzare un evento pubblico sull'argomento, utilizzando metodi partecipativi e deliberativi innovativi, raggiungendo un'ampia varietà di cittadini e coinvolgendo altrettanti attori, esperti e organizzazioni della società civile pertinenti possibili.
    3. Passaggio 3: dopo ogni ciclo di discussione su uno specifico argomento, viene creato un progetto di relazione con i risultati di quel particolare ciclo. Esso rimane aperto online per ricevere feedback e creare discussioni.
    4. Passaggio 4: dopo la conclusione di tutti i cicli di discussione sugli argomenti specifici (sia offline che online), viene organizzata una sessione finale della Conferenza popolare europea che ha lo scopo di discutere e adottare il progetto finale di Costituzione europea attraverso un processo aperto e democratico.
  4. Primavera 2020-Primavera 2022: i partecipanti alla nostra Conferenza popolare sono incoraggiati ad aiutarci nella campagna per le risoluzioni parlamentari nelle città, nelle regioni o nei paesi in cui vivono, sulla base della sopracitata petizione a livello UE che invita i parlamenti di tutti livelli a sostenere la nostra "Strada verso una Costituzione europea", includendo, perlomeno, la richiesta di un dibattito popolare a livello europeo e di un voto popolare che avvii un processo di elaborazione ufficiale della Costituzione europea.
  5. Primavera 2022: a seguito della conclusione della Conferenza popolare, il progetto di testo della Costituzione europea viene presentato a tutti i membri in DiEM25 per la votazione.
  6. Primavera 2022: DiEM25 organizza un "Vertice popolare" in parallelo e nella stessa città del vertice "ufficiale" del Consiglio europeo che dovrebbe discutere i risultati della Conferenza "ufficiale". Il vertice popolare svilupperà una strategia per attuare la Costituzione europea auto-sviluppata, anche mediante atti di disobbedienza civile e atti democratici auto-organizzati (ad esempio un referendum a livello dell'UE e l'elezione di un'assemblea costituzionale). L'obiettivo generale è quello di sviluppare l'effetto leva nei confronti dei poteri, i quali devono iniziare il percorso verso lo sviluppo partecipativo e deliberativo di una Costituzione europea, come indicato nel nostro documento programmatico.
  7. Primavera 2022-maggio 2024: come parte della summenzionata strategia di attuazione (vedi punto 7), DiEM25 renderà la Costituzione europea popolare (vedi punto 4) auto-sviluppata e la strada che ci può condurre lì (vedi punto 2) ), il fulcro del programma delle ali elettorali di DiEM25 per le elezioni europee del 2024, invitando allo stesso modo altri partiti politici ad adottare tali posizioni come parte dei loro programmi politici.

 

Saprete che la vostra proposta è riuscita quando:

 

1. DiEM25 sarà riuscito a costruire un'ampia coalizione di attori (ONG, sindacati, movimenti, partiti politici, singoli cittadini) a sostegno di un'agenda concreta e audace che ha come fine la democratizzazione dell'Unione Europea.

2. Avremo dotato i nostri DSC, NC e EW di un progetto ambizioso e innovativo per una Costituzione europea con cui possano impegnarsi e ispirare i cittadini in vista delle elezioni europee del 2024 e quelle successive.

3. La "coalizione di volontà" (co-)avviata DiEM25 sarà riuscita a costruire la contro-potenza e l'effetto leva necessari per condurre forzatamente i poteri verso una costituzione europea. La rivoluzione europea non violenta e democrati

---

Ritieni che DiEM25 dovrebbe investire energie e risorse per attuare questa proposta?

La votazione è chiusa

Registrati Accedi