Liberare i cittadini europei a basso reddito dall'onere dell'affitto (petizione)

729 firme

Firma la petizione

Liberare i cittadini europei a basso reddito dall'onere dell'affitto
Desidero ricevere aggiornamenti sulle campagne di DiEM25.

Firmando, consenti che possiamo conservare i suddeti dati per lo scopo di questa petizione. Non riceverai newsletter se non hai richiesto uno. Per ulteriori informazioni, per favore leggi la nostra _Politica di Riservatezza_.

>> Liberare i cittadini europei a basso reddito dall'onere dell'affitto

al Parlamento e alla Commissione europei

Prima della crisi causata dal COVID-19, l'11,3% degli europei soffriva di un onere eccessivo per i costi delle case. Sia all'interno dell'Unione Europea che nel resto del mondo, questo costo è particolarmente elevato per gli inquilini a basso reddito, per i quali più del 40% del reddito disponibile viene speso per l'affitto mensile. Inoltre, nel 2018, 50 milioni di famiglie si sono trovate in una situazione di povertà energetica che le ha rese esposte ai cambiamenti climatici. 

La crisi del COVID-19 ha costretto i governi a imporre misure restrittive di quarantena che hanno praticamente paralizzato l'economia. Mentre ad alcuni lavoratori è stato permesso di continuare la loro attività professionale da casa, molti settori hanno visto la loro attività ridursi fortemente o chiudere completamente. La perdita del posto di lavoro è più probabile che colpisca i poveri con un livello di istruzione di base, i quali già soffrono per l'onere dell'affitto. Nel frattempo, le temperature record registrate in tutto il mondo per il 2020 ci ricordano che la crisi climatica non si è fermata durante la chiusura. In realtà, la pandemia è solo una delle future crisi globali che saranno stimolate dalla crisi climatica.

La crisi economica post-coronavirus minaccia di rafforzare la pressione sul bilancio degli affitti (sovraccarico) e alla fine scatenerà espulsioni di massa delle famiglie, catapultando il numero di poveri e senzatetto ad un massimo storico. Inoltre, la pressione sul debito pubblico potrebbe ostacolare lo sforzo di adattamento dell'Europa alla crisi climatica ancora in corso.

 

Come mitigare la crisi del COVID-19:

1.                  Cancellando tutti i debiti per gli affitti contratti dalle famiglie e dalle piccole imprese di proprietà degli inquilini.

2.                  Attuando un sussidio d’affitto caso per caso per le famiglie e piccole imprese colpite da una contrazione del reddito dovuta alle misure di quarantena; questo aiuto verrebbe gradualmente ridotto man mano che i redditi raggiungono i livelli pre-COVID.

3.            Creando un fondo d’emergenza per i piccoli proprietari (di un massimo di due immobili) per compensare gli effetti della riduzione degli affitti (2). 

 

Come garantire un alloggio sostenibile a tutti gli europei

1.                  Creando un fondo europeo per l'acquisto di alloggi pubblici, con particolare attenzione alle abitazioni vacanti (tasso medio di abitazioni vacanti in Europa ~18%). Questo fondo dovrebbe essere accessibile a stati, regioni e comuni al fine di soddisfare il diritto umano ad un alloggio adeguato per tutti i residenti dell'UE. E dovrebbe essere abbastanza grande da assicurare che l'alloggio sia garantito dalle autorità pubbliche in ultima istanza.

2.                  Creando un fondo europeo per la ristrutturazione sostenibile di tutte le famiglie dell'UE. Questo fondo dovrebbe essere abbastanza grande da garantire che questo lavoro pubblico su larga scala sia finanziato dalle autorità pubbliche e non dalle famiglie.

 

Resilienza economica per le crisi future:

1.                  Implementando un dividendo di base universale europeo che migliorerà la resilienza delle famiglie e delle piccole imprese alle crisi future e creerà uno strumento permanente per affrontare il sovraccarico degli affitti.

2.                  Garantendo il diritto a un alloggio dignitoso e sostenibile e un insieme di diritti degli inquilini in tutta l'UE nei trattati europei.

 

Queste misure consentirebbero di raggiungere tre obiettivi principali: 

1) ostacolare il disaffitto sociale ed economico derivante dal contraccolpo economico post-coronavirus; 

2) creare un legame "federale" tra gli europei e l'UE;

3) gettare le basi per un sistema di sicurezza sociale paneuropeo.

 

Come ha ricordato il relatore speciale Philip Alston, la "tradizionale narrazione trionfalistica pre-pandemica che la povertà estrema sta per essere sradicata" è ingiustificata dai fatti -- e la crisi della COVID-19 farà quasi certamente salire i livelli di povertà e di mancanza di una casa. Piuttosto che esacerbare ulteriori disuguaglianze, i programmi di recupero di COVID-19 dovrebbero colmare il divario tra i più fortunati e quelli che sono già indebitati e impreparati per crisi future. Il peso della pandemia è stato messo in gran parte sulle spalle di individui a cui è stato chiesto di mettersi in quarantena, di lavorare da casa o di mettere a rischio la loro vita come lavoratori essenziali. Le misure imposte dal governo che hanno causato difficoltà nella vita dei lavoratori europei dovrebbero essere seguite da politiche olistiche e riparatrici.

Solo una risposta a tutto campo, senza esitazioni e senza parsimonia nazionalista, può evitare che milioni di persone cadano in una povertà più profonda ed esacerbare gli effetti del COVID-19 e del debito sovrano che intanto sale alle stelle!

Firma questa petizione